Navigation

SPORT FOR GOOD

lo sport ha il potere di cambiare il mondo.

Che lo sport favorisca la forma fisica non è un segreto.

Che lo sport, però, abbia anche il potere di cambiare il mondo potrebbe essere per molti una tesi forte e forse piuttosto ardita. Quando nel 2000 furono assegnati per la prima volta i premi Laureus World Sports Awards, Nelson Mandela affermò questo concetto pronunciando le celebri parole “Sport has the power to change the world” e sapeva bene di cosa stava parlando. Tre le parole che più hanno permeato le sue affermazioni: cambiare, ispirare, conciliare. E per me proprio queste parole sono emblematiche del nostro impegno nell’ambito del movimento Laureus. Cambiamento come obiettivo, ispirazione come fattore di incoraggiamento e conciliazione come slancio costruttivo. Per Mandela era chiaro che al mondo soltanto lo sport può costituire una base essenzialmente positiva, in grado di creare legami molto solidi tra le persone, a prescindere dal sesso, dalle origini, dalla religione o dall’appartenenza sociale. Vi basti ripensare agli ultimi tre campionati mondiali di calcio in Germania, Sudafrica e Brasile. Vi torneranno in mente, come è successo a me, tanti momenti emozionanti e proverete la sensazione che eventi sportivi di particolare rilevanza abbiano consolidato, soprattutto negli ultimi anni, la pacifica coesistenza di uomini e culture sulla faccia della Terra.

Per me l'evento sportivo più importante è stato, senza ombra di dubbio, la semifinale quasi irreale del campionato mondiale di calcio in Brasile nell'estate 2014. In quel periodo mi trovavo in Cina con colleghe e colleghi di Daimler e abbiamo visto la partita tutti insieme, alle 5 di mattina, nella hall di un albergo‎. L'atmosfera era indescrivibile e le numerose scene di forte impatto emotivo frammiste a momenti di grande cordialità tra i fan brasiliani e tedeschi sono rimaste a lungo impresse nella mia mente. Di quale evento sportivo degli anni passati conservate un piacevole ricordo?

Laureus Sport for Good Foundation

Quando la Daimler AG, d’intesa con il Richemont Group, 16 anni fa (1999) fondò la Laureus Sport for Good Foundation (www.laureus.com) con l’intento di risolvere situazioni di disagio infantile e giovanile grazie al potere dell’attività sportiva, nessuno poteva immaginare che dimensioni avrebbe raggiunto il movimento che stava prendendo vita. Dopo un inizio in sordina, il movimento si è ampliato, nel frattempo, fino a diventare un grande network di sostenitori attivi e progetti. Oggi guardiamo indietro e proviamo soprattutto un sentimento di gratitudine. Gratitudine per le donazioni pari ad un totale di 60 milioni di euro, che ci hanno consentito e ci consentono ancora di aiutare oltre 1,5 milioni di bambini coinvolti in oltre 150 progetti sociali in 34 Paesi di tutto il mondo. Laureus è l’emblema per antonomasia dell’impegno globale di Mercedes-Benz in materia di etica e responsabilità sociale. Anche in futuro continueremo a lavorare sodo insieme al nostro partner fondatore, IWC Schaffhausen, per garantire a bambini e giovani in situazioni di disagio sociale una vita migliore grazie all’influenza positiva dello sport.

Sono contenta di vedere che al nostro progetto Laureus hanno aderito ad oggi oltre 200 atlete ed atleti professionisti di fama internazionale. 50 tra i principali atleti di ogni tempo, che hanno fornito per anni un significativo contributo allo sport mondiale, costituiscono la cosiddetta Laureus World Sports Academy. Queste leggende dello sport sanno bene cosa vuol dire realizzare prestazioni sportive d’eccellenza e si spendono instancabilmente per il movimento Laureus. Assumono partnership di progetti e trasmettono una prospettiva a bambini e giovani grazie allo sport. Al contempo, forniscono consigli preziosi relativi a problematiche sociali e tentano di creare più spirito di squadra e maggiore consenso con l’esercizio del fair play sportivo: qualità che aiutano i giovani ad affrontare la quotidianità, spesso complicata, senza violenza né conflitti, e a sviluppare prospettive per il futuro.

Laureus Sport for Good Foundation

Quando la Daimler AG, d’intesa con il Richemont Group, 16 anni fa (1999) fondò la Laureus Sport for Good Foundation (www.laureus.com) con l’intento di risolvere situazioni di disagio infantile e giovanile grazie al potere dell’attività sportiva, nessuno poteva immaginare che dimensioni avrebbe raggiunto il movimento che stava prendendo vita. Dopo un inizio in sordina, il movimento si è ampliato, nel frattempo, fino a diventare un grande network di sostenitori attivi e progetti. Oggi guardiamo indietro e proviamo soprattutto un sentimento di gratitudine. Gratitudine per le donazioni pari ad un totale di 60 milioni di euro, che ci hanno consentito e ci consentono ancora di aiutare oltre 1,5 milioni di bambini coinvolti in oltre 150 progetti sociali in 34 Paesi di tutto il mondo. Laureus è l’emblema per antonomasia dell’impegno globale di Mercedes-Benz in materia di etica e responsabilità sociale. Anche in futuro continueremo a lavorare sodo insieme al nostro partner fondatore, IWC Schaffhausen, per garantire a bambini e giovani in situazioni di disagio sociale una vita migliore grazie all’influenza positiva dello sport.

Sono contenta di vedere che al nostro progetto Laureus hanno aderito ad oggi oltre 200 atlete ed atleti professionisti di fama internazionale. 50 tra i principali atleti di ogni tempo, che hanno fornito per anni un significativo contributo allo sport mondiale, costituiscono la cosiddetta Laureus World Sports Academy. Queste leggende dello sport sanno bene cosa vuol dire realizzare prestazioni sportive d’eccellenza e si spendono instancabilmente per il movimento Laureus. Assumono partnership di progetti e trasmettono una prospettiva a bambini e giovani grazie allo sport. Al contempo, forniscono consigli preziosi relativi a problematiche sociali e tentano di creare più spirito di squadra e maggiore consenso con l’esercizio del fair play sportivo: qualità che aiutano i giovani ad affrontare la quotidianità, spesso complicata, senza violenza né conflitti, e a sviluppare prospettive per il futuro.

Un'idea valida...

…può trasformarsi in un movimento di respiro globale soltanto se l’ampia opinione pubblica ne è a conoscenza e la asseconda in ogni Paese del mondo, ad esempio mediante l’assegnazione annuale dei Laureus World Sports Awards che, nel 2015, si svolgerà per la sedicesima volta il 15 aprile, e per la prima volta in Cina, a Shanghai. Vengono premiati le sportive e gli sportivi più importanti e di maggior successo dell’anno trascorso, suddivisi in 7 diverse categorie. È il trofeo più ambito in campo sportivo e coniuga due elementi perfettamente in linea con il principio di Sport for Good: lo sport e l’aspetto sociale. Dai numerosi colloqui intercorsi con chi ha vinto il trofeo capisco bene cosa significhi un trofeo Laureus che spicca sullo scaffale di uno sportivo professionista: qui vince soltanto chi è riuscito a convincere una commissione di giornalisti provenienti da oltre 100 Paesi e la Laureus World Sports Academy. Per noi di Mercedes l’assegnazione del premio di quest’anno è un evento particolarmente meritevole di attenzione. Dopo la vittoria nel campionato di calcio mondiale FIFA, la nazionale di calcio tedesca di cui siamo partner ha ottenuto una nomination, proprio come il nostro team di Formula 1 MERCEDES AMG PETRONAS, che nel 2014 con i piloti Lewis Hamilton e Nico Rosberg ha ottenuto la pole position sia nella classifica piloti sia nella classifica costruttori.

Il vero elemento di suspense è dato dal fatto che entrambi hanno ottenuto una nomination come team nella categoria “Laureus World Team of the Year” mentre nella classifica individuale sono in sfida tra loro. Gode del nostro supporto e della nomination da parte dei giornalisti per la categoria “Laureus World Sportswoman of the Year” anche Li Na, una delle tenniste cinesi di maggior successo con al suo attivo la vittoria in ben due tornei del Grande Slam. Anche per lei, ambasciatrice Mercedes-Benz, auspichiamo il miglior esito possibile in occasione dell’imminente premiazione nel suo paese natale. E proprio perché quest’anno le nomination sono state assegnate a così tanti esponenti del mondo dello sport che hanno indirettamente un legame con Mercedes, per me è molto importante evidenziare ancora una volta che le nomination sono state stabilite e scelte espressamente in modo autonomo e senza alcuna influenza da parte di Mercedes-Benz o IWC Schaffhausen. Soltanto così si garantisce il singolare appeal e l’indipendenza del premio Laureus.

Personalmente ho grande rispetto di tutte le persone che si impegnano individualmente o in seno ad un gruppo. Mi interessa ciò che fate. Utilizzate il nostro nuovo blog Mercedes me per informarci dei progetti che sostenete e delle esperienze che avete raccolto. Comunicateci quali progetti Laureus vi interessano di più e chi, secondo voi, tra le donne e gli uomini del mondo dello sport nominati per i Laureus Sports Awards 2015 , dovrebbe tornare a casa con un trofeo e perché.

In qualità di partner autorevoli e affidabili, forti di un'esperienza aziendale lunga 129 anni, continueremo a profondere tutti gli sforzi possibili nel progetto Laureus. Contribuite anche voi a fare conoscere meglio il movimento Laureus, seguite la nostra pagina Facebook, impegnatevi nell'ambito dei nostri progetti e prendete coscienza del prezioso lavoro portato avanti dalla Fondazione Laureus Sport for Good.

La gamma di funzioni può variare a seconda del Paese.